Udienza del 14.05.2013



NON CI STIAMO! Come pool di legali che rappresentano gli interessi dei passeggeri, riteniamo che vi siano delle responsabilità troppo grandi per consentire una facile via di fuga con il patteggiamento, oltretutto non subordinato al risarcimento in favore delle parti civili! per questo chiediamo a gran voce al dott. Molino di alzare il livello di tali responsabilità con la riqualificazione delle imputazioni a carico degli imputati in reati di natura dolosa (dolo eventuale); questo almeno nei confronti di Schettino, gli ufficiali di coperta ed il responsabile della unità di crisi della Costa.

Lo scandalo non è la richiesta di patteggiamento di Schettino, ma la sottodimensione delle imputazioni che ha consentito agli altri imputati di arrivare ad una proposta di pena a meno di due anni di reclusione, e lo sconcertante assenso prestato dalla Procura di Grosseto a tali proposte senza che le stesse fossero condizionate al risarcimento del danno alle parti civili.

UN VERO REGALO ALLA COSTA SpA!

Costa che ha fin qui affermato di aver raggiunto un accordo con più dell’80% dei danneggiati, mentre oggi in aula i dati riportati dal legale della compagnia parlano di circa 2.000 persone risarcite, quindi meno del 50% dei passeggeri a bordo della Concordia.

Per quanto riguarda quindi la società Costa SpA, che è stata chiamata nel processo come responsabile civile, abbiamo chiesto a garanzia del risarcimento danni in favore dei passeggeri, il sequestro della nave Costa Diadema, in corso di costruzione presso la Fincantieri di Marghera, ovvero il sequestro delle quote azionarie e le partecipazioni societarie.

GIUSTIZIA PER LA CONCORDIA pretende rispetto per il diritto al risarcimento in favore dei passeggeri, ora, in questa sede.

Chiudere il processo penale per un naufragio come quello senza prevedere un obbligo al risarcimento dei danni a carico della responsabile civile, per reati commessi dai suoi dipendenti in un contesto di piena consapevolezza e concorso di colpa della Costa (patteggiamento da 1 mln di euro già concluso per la Società) è assolutamente INACCETTABILE

Annunci

Un pensiero su “Udienza del 14.05.2013

  1. michaelvee

    … e all’estero, ancora una volta, diamo l’imagine improponibile di un paese che lascia che i veri responsabili la faranno franca mentre si invitano le persone danneggate di prepararsi ai lunghi tempi di un procedimento civilisto per i quali Italia é stata criticata severamente da parte della UE. Proprio come il capitano scappato dalla nave la giustizia Italiana sta scappando dalla sua responsabilità.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...