Archivio mensile:novembre 2013

UDIENZA 25.11.2013 – Abad, Raccomandato, Anziani, Di Lena

ABADJacqueline Abad Quine, assistente direttrice di crociera di nazionalità peruviana, è la donna che sul famoso video, visto in tutto il mondo e ripreso da alcuni passeggeri durante le prime fasi del black-out (ma quando già era chiara la gravità della situazione), dava l’annuncio al megafono, INVITANDO CON MODI MOLTO ENERGICI LE PERSONE AD ANDARE IN CAMERA E RESTARE LÌ TRANQUILLI E SEDUTI.

La donna, come una consumata attrice di telenovelas, dopo aver dato ripetutamente prova della sua totale ignoranza di ogni tipo e forma di segnale di emergenza a bordo delle navi della Costa nonostante facesse fosse proprio parte del personale addetto ad assistere i passeggeri in caso di problemi (Delta X ray, emergenza generale, allarme incendio, etc.), inscena un accorato ricordo del naufragio e, in lacrime ovviamente, scarica la responsabilità di quell’annuncio, che, di fatto, ha probabilmente condannato a morte chi davvero decise di scendere in cabina ascoltando le indicazioni del personale di bordo, e riferisce di aver fatto quello che le veniva detto dai suoi superiori, in particolare da Raccomandato, il direttore di crociera sulla Concordia.

Ovviamente quest’ultimo, sentito subito dopo, nega di aver mai dato l’indicazione di inviare i passeggeri in cabina, bensì di aver annunciato lui personalmente un problema tecnico ai generatori elettrici, dando indicazioni analoghe ai sottoposti, per tranquillizzare i passeggeri, ma mai di farli tornare nelle cabine.

Certamente incredibile e difficile da digerire è il fatto che la Abad, dopo esser stata convocata dalla Carnival, ad appena 15 giorni dal naufragio abbia incassato circa 30.000 dollari, senza neppure saperci dire a che titolo li ha percepiti, e, udite bene, sia stata perfino promossa a direttore di crociera!

Molto interessante è poi la testimonianza di Ortolano, il responsabile dei rimorchiatori al porto di Civitavecchia. In particolare dalla sua deposizione escono fuori alcuni tabulati telefonici di cui in seguito parleremo, e lo stesso chiarisce che, qualora i suoi mezzi di rimorchio fossero giunti in un momento in cui la Concordia era ancora in assetto o non eccessivamente sbandata, sarebbero stati in grado di portare la nave in posizione di sicurezza.

Tenuto conto che poi il teste Di Lena, ufficiale all’ambiente, riferisce in seguito della stessa udienza che, se le pompe elettriche di svuotamento grandi masse avessero funzionato (non potevano funzionare poichè sia i 6 generatori elettrici principali  che il generatore di emergenza -DGE- erano in tilt), sarebbero stati in grado di bilanciare la inclinazione della nave da 10,9 gradi a 5 gradi, è facile sostenere che SE LA COSTA AVESSE CHIAMATO SUBITO I RIMORCHIATORI E SE IL DGE AVESSE FUNZIONATO, i mezzi di soccorso avrebbero potuto rimorchiare la nave in acque sicure.

Peccato che invece di usare il VHF od il pannello con tutti i numeri delle capitanerie e dei mezzi di soccorso a disposizione della plancia (riferito da Spadavecchia alla scorsa udienza) il Comandante Schettino abbia aspettato per ore prima di avere il numero di cellulare di Ortolani (dalla unità di crisi della Costa?), facendolo trascrivere a mano su un foglietto e solo dopo chiamando i rimorchiatori, giunti sul posto quando tutto era perduto.

Lo stesso Di Lena dice di aver saputo del “tradizionale saluto” all’isola del Giglio fin dalla partenza, e di aver partecipato all’inchino, in altre occasioni precedenti a quella, sia presso il Giglio che a Ponza ed a Capri!

Per Finire dalla testimonianza di Anziani, ex Direttore macchine della Concordia ed ora imbarcato sulla Costa Serenza, apprendiamo che tutte le navi di questa “serie”, prive di ridondanza nel quadro elettrico, hanno un problema fisiologico che, in caso di avaria al quadro elettrico principale, ad esempio in caso di allagamento od incendio sul relativo comparto stagno (quindi basta l’allagamento anche di un solo comparto stagno?!), lascia in blackout totale ed irreversibile la nave, come avvenuto a bordo di alcune navi della Carnival, che pare siano rimaste alla deriva per circa 4 giorni nel pacifico.

Parliamo della Carnival Triumph, Splendor, Victory, Conquest e della Freedom, come anche delle navi Costa Pacifica, Serena, Fascinosa, Favolosa, Magica e della Costa Fortuna!

 Alla prossima udienza il Comandante DE FALCO!

 

Udienze 18 e 19 novembre 2013 – Muscas, Spadavecchia, Pilon, Christidis, Fiorito

TG2 

La udienza del 18 novembre parte con la deposizione di MUSCAS, capo elettricista della nave Concordia con quarant’anni di esperienza; oltre alle già note circostanze sui momenti dell’urto sugli scogli, lo stesso Muscas riferisce del suo tentativo di far ripartire il generatore di emergenza in ogni modo possibile, anche infilando il cacciavite a forza dentro l’interruttore che lo comandava e che andava costantemente in corto circuito, impedendo alla corrente di entrare in rete. Il problema, tuttavia, non venne risolto poiché il generatore dopo appena 10 minuti in moto (e senza neppure entrare in carico) si era surriscaldato ed andava in blocco continuamente, poiché la ventola che lo doveva raffreddare non partiva anch’essa, ed era comandata da un commutatore che, in assenza di tensione di corrente, non poteva essere bypassato meccanicamente come l’altro interruttore del DGE. Insomma un cane che si morde la coda: il commutatore che faceva partire la ventola di raffreddamento non poté essere azionato mancando la corrente, la quale non veniva erogata dal generatore di emergenza che era in blocco perché surriscaldato proprio dal mancato avvio della ventola!

Riguardo alla manutenzione del DGE (Diesel Generatore di Emergenza), sostiene che fosse stata fatta regolarmente, e, oltre che facendolo partire periodicamente, anche mettendolo sotto carico e mandando in rete la energia elettrica: la risposta del teste tuttavia non è credibile, poiché, innanzitutto la cosa avrebbe comportato un black-out totale dei sistemi elettrici della nave per 10-12 secondi (tempo necessario al DGE per mettersi in moto e attaccarsi in rete), comportando anche il reset di tutti i moltissimi sistemi informatici e di strumentazione di bordo non collegati all’UPS (batterie tampone di emergenza), ed inoltre poiché i registri di manutenzione (infoship) erano tenuti da Muscas su cartaceo e, pare, immessi in un secondo momento (Codacons risulta aver presentato una denuncia-querela per la manomissione dei registri informatici di manutenzione della Concordia).

Il capo elettricista, poi, afferma con certezza assoluta (sostiene infatti che facevano delle prove periodiche con gli elettricisti di bordo), che il Generatore di Emergenza alimentava gli ascensori, nel limite di consentire loro di andare fino al ponte 4 (ponte di imbarco sulle scialuppe) ed aprire le porte dall’interno. Poiché la corrente del DGE non è mai entrata in rete, dice di non sapere se gli ascensori siano arrivati al piano e se le porte fossero chiuse, né sa riferire se vi sia stato un controllo al riguardo. In ogni caso Muscas per la prima volta conferma quanto da mesi stiamo chiedendo sugli ascensori, sconfessando quanto sostenuto più volte dai periti del Tribunale, ossia che il DGE non alimentasse gli ascensori.

Anche questo teste, conferma di aver assistito ad una copiosa fuoriuscita di acqua al di sopra della porta stagna che divideva i comparti della sala macchine.

Muscas su domanda dell’avvocato Massimiliano Gabrielli, del pool Giustizia per la Concordia, riferisce di aver incassato € 20.418,97 il 4 febbraio 2012, come risarcimento del danno, e che venne convocato dai legali della Costa presso la sede di Genova. 

SPADAVECCHIA, invece, era il responsabile informatico della nave. Di interessante conferma sempre su domande delle parti civili, che dalla centrale operativa della Costa, ed in realtà da chiunque tramite collegamento Web, era possibile monitorare la posizione della nave e la rotta tramite punto GPS, addirittura anche con collegamenti WebCam a prua e poppa, ed inoltre che il sistema principale di comunicazioni utilizzato a mare è il VHF, facendo emergere la anormalità dell’utilizzo di un telefonino cellulare per mettersi in contatto con Ferrarini, capo della unità di crisi e con la centrale operativa di Genova, per effettuare una comunicazione di emergenza così importante, piuttosto che con il sistema telefonico satellitare di bordo, a disposizione della plancia di comando.  

È chiaro che, utilizzando il VHF sul canale 16, anche solo per il lasciare il messaggio Security (obbligatorio in caso ci siano ad es. ostacoli galleggianti o segnalazioni di attenzione per chi si trovi a transitare a mare in quella zona) riguardo una nave da 300 metri rimasta immediatamente dopo l’urto senza propulsione, sia la Capitaneria di Porto che i rimorchiatori e chiunque sia su quel canale può ascoltare e predisporsi ad intervenire.

Il messaggio security (in ordine c’è il security, emergency e infine il may-day o distress) non venne mai dato al VHF, e nonostante Spadavecchia avesse sul suo pannello predisposto l’accesso a tutti i numeri delle capitanerie di porto, della sala operativa ed anche dei mezzi di soccorso di zona, nessun avviso tramite VHF od altro fu diramato, né fu mai fatta richiesta per un intervento dei rimorchiatori. I motivi ormai sono intuitivamente noti: il costo per la Compagnia!

Anche Spadavecchia ha preso oltre 20.000 euro, già il 4 febbraio 2012, ed è stato convocato a Genova dalla Costa.

PILON era il Direttore Macchine, un uomo di età avanzata ed ormai in pensione. La sua testimonianza riporta ai momenti di concitazione e di disorganizzata confusione successivi all’urto, come anche, però, alle evidentissime indicazioni date a Schettino sulla situazione drammatica in cui la nave si è trovata dopo pochi minuti dall’impatto (c’è l’acqua fino alla officina, cioè al ponte zero!). I locali dei generatori erano tutti completamente allagati e i comparti stagni perduti erano già praticamente tre.

Conferma anche di aver ricevuto quasi € 30.000 il 31.01.2012 (!) + cassa marittima per i giorni di malattia e di esser stato sentito dagli avvocati della Costa a Genova. Mettiamoci pure che a bordo della Concordia c’era anche la moglie, ovviamente ospite, ed è facile capire che Pilon si è portato a casa quasi 50.000 euro

Il giorno successivo tocca a CHRISTIDIS, il quale, non essendo ancora operativo, poiché imbarcato da pochi giorni per affiancamento all’ufficiale che andava a sostituire, ci fornisce informazioni soprattutto sul comportamento del Comandante Schettino nella fase di emergenza ed abbandono della nave e del presunto loro tentativo di tornare a bordo con un gommone dei soccorritori il cui equipaggio, tuttavia, venne perentoriamente richiamato per rientrare in porto. 

In più occasioni evidenzia che il comportamento del personale della Costa e degli ufficiali a bordo era incredibilmente statico, aspettavano tutti (compreso Schettino, che non a caso parlava con Ferrarini e qualcun’altro a terra) chissà cosa, e gli incaricati a ruolo di appello, aldilà dell’ordine del Comandante di abbandonare la nave, non si attivavano per intervenire o predisporre quanto necessario, nonostante fosse stato già dato il segnale delta x ray. 

Christidis a meno di un mese dal naufragio (16.02.2013) ha incassato come risarcimento dalla Costa quasi € 35.000, oltre 2.683,00 da INAIL-cassa marittima per i giorni di malattia. Pure lui sentito dai referenti Costa.

Il teste più interessante di questa tornata, però, è sicuramente FIORITO, responsabile in sala macchine al momento dell’incidente; anche attraverso contestazioni SIT ed una intercettazione telefonica ascoltata in aula (siamo convinti che sia stata platealmente riprodotta dai PM perché, parlando con la madre, riferiva più volte che il Comandante Schettino era “una testa di minchia“) Fiorito conferma di una sua partecipazione ad almeno 3 precedenti passaggi ravvicinati al Giglio della Concordia “sempre più vicino, sempre più vicino e che, anche se dalla sala macchine ovviamente non vedevano in effetti la rotta e la distanza dall’isola, si rendevano perfettamente conto che passavano vicino alla costa dalle vibrazioni dell’acqua dalla pancia della nave, che aumentano sempre di più man mano che ci si avvicina al basso fondale. Insomma, anche in sala macchine  lo sapevano tutti che si stava facendo l’inchino. Tutti consapevoli e ognuno ha fatto la sua parte!!! Quindi tutti compartecipi nell’accaduto, in plancia, come in sala macchine e a terra! 

Poi ha riferito che la porta stagna tra i comparti macchine si teneva comunemente aperta per evitare la depressione aria tra i due locali, anche se in quella occasione era chiusa. Afferma che era possibile tenerla aperta in base ad una deroga. Nelle scorse udienze l’Avvocato Pinna per il Ministero, ha chiarito senza ombra di dubbio che questa deroga, sbandierata dalla Compagnia Costa a tutti i componenti della sala macchine ed agli ufficiali della Concordia, in realtà NON ESISTE: è stata chiesta ed è stata rifiutata! Eppure la prassi era tutt’altra. Comunque anche Fiorito conferma i trafili di acqua dalle porte stagne. 

Insomma, quando anche le porte erano chiuse, evidentemente c’erano problemi di tenuta dei comparti. Schettino, fuori udienza, ci ha riferito che la tenuta dei comparti sulle navi è un problema di natura seria, che aveva comportato una sua direttiva generale di warning scritto all’equipaggio, riguardo al fatto che quando si effettuavano lavori di modifiche o riparazioni a bordo, gli operai foravano senza troppi problemi le paratie per passare cavi od altro, e non si preoccupavano poi di sigillare adeguatamente per garantirne la tenuta stagna. 

 Da quanto riferito dai testi del processo Schettino, come ribadito con un ns. COMUNICATO STAMPA per rispondere alle dichiarazioni fatte dal legale della Costa Crociere (sostenendo sostanzialmente che il DGE non ha funzionato per colpa dell’urto), risulta quindi un fatto certo.

Queste navi sono progettate per offrire una sensazione di lusso ai passeggeri e massimizzare i guadagni dell’armatore, ma non certo per garantire la sicurezza in caso di emergenza; sulla Concordia non ha funzionato praticamente nulla

Il generatore di emergenza é all’undicesimo piano e lontano dal punto di urto, eppure è andato subito in grave avaria, impedendo di dare corrente ai sistemi vitali per la gestione dell’abbandono nave, le porte stagne facevano acqua da tutte le parti e gli ascensori si sono trasformati in trappole mortali.

Se a questo aggiungiamo che l’equipaggio e gli ufficiali si sono lasciati prendere dal panico e che dalla unità di crisi, nonostante l’evidenza della situazione, non sono arrivate disposizioni per dare subito la emergenza generale, si spiega quale gravissima responsabilità abbia Costa Crociere.

  

Udienza 12.11.2013 – Di Piazza e Borghero

Guarini

 

Il primo teste escusso all’udienza del 12 novembre scorso é Ugo Di Piazza, entrato in costa come allievo ufficiale nel 2010 e ufficiale addetto alla sala macchine al momento del naufragio, ulteriore dimostrazione che in questa compagnia la scalata ai gradi è davvero una facile arrampicata!

Dalla sua deposizione emerge che nonostante una porta stagna fosse chiusa l’acqua filtrava “copiosamente”, a dimostrazione che queste paratie, peraltro spesso aperte  in navigazione come dallo stesso teste riferito, anche da chiuse non svolgevano a dovere la loro preziosa e fondamentale funzione di sicurezza.

Riferisce di aver riferito quasi subito al suo superiore Borghero al quale disse che vi erano due compartimenti allagati e che ve ne era anche un terzo che si stava vistosamente allagando.

Pacifico  dunque che in plancia seppero tutti  pochi minuti dopo l’impatto le reali condizioni della nave, circostanza questa che aggrava la posizione del Comandante che non diede l’allarme generale e l’abbandono nave, ma anche quella degli altri imputati oltre Schettino, sui quali pende giudizio di impugnazione innanzi alla Corte di Cassazione a seguito dell’impugnazione della sentenza di patteggiamento da parte della Procura Generale di Firenze, come invocata con apposita istanza dagli Avvocati di “Giustizia per la Concordia”.

Di Piazza fa ben capire che per loro della sala macchine era chiaro che perduti senza speranza i motori ed i generatori elettrici, la nave non poteva più essere governata. Nonostante l’evidenza della gravità della situazione i minuti, preziosi per le vite dei passeggeri da salvare, continuarono a scorrere senza che venisse dato l’allarme falla (delta xray) o quanto meno quello dell’emergenza generale, che avrebbe consentito di avviare la procedure di appello per predisporre lo sbarco dei passeggeri. Il teste ci narra che “la situazione di panico era tale da non consentire lo sbarco ordinato” e che le scialuppe furono calate anche prima dei segnali che la plancia diede con colpevole ritardo.

Ma anche la genuinità di questa testimonianza, su alcune circostanze che il teste sembra non sapere o non ricordare, è funestata dal fatto che, come ormai stiamo facendo emergere udienza dopo udienza, subito dopo i primi colloqui con gli inquirenti anche Piazza fu convocato dai legali di Costa (ed a volte con la presenza di referenti di Carnival) per un resoconto sull’accaduto e per un fulmineo quanto soddisfacente risarcimento. Senza neppure averlo chiesto!

Dello stesso tenore la testimonianza di Borghero Tonio, dal 2002 dipendente Costa e ufficiale in seconda addetto alle macchine, pure sentito all’udienza del 12 novembre, che conferma la gravità della situazione e come fosse palese la completa compromissione della sala macchine a causa dell’allargamento totale dei comparti. Precisa che al momento dell’impatto si trovava in cabina e che aveva la percezione che qualcosa fosse accaduto per l’inclinazione della nave (sbandata) e per le vibrazioni, in quanto non ha sentito l’urto! Giova sul punto ricordare che la cabina dove si trovava il teste é sita al ponte 5 e il generatore di emergenza non è ubicato sotto il ponte zero (e quindi nella parte bassa della nave) ma al ponte 11!

E questo ci permette di confutare le dichiarazioni della Costa Crociere nella sua veste di responsabile civile proprio su questa circostanza (che sul malfunzionamento del generatore di emergenza – ponte 11 – ha cercato di giustificarsi sostenendo pubblicamente che la causa del guasto doveva evidentemente essere ricercata nelle conseguenze provocate all’impianto dall’urto), poiché quell’urto ha interessato solo i ponti sotto la linea di galleggiamento (ponte 0) mentre nessuno sopra il ponte zero ha neppure avvertito l’urto, se non in termini di vibrazione e sbandata! Figuriamoci se il generatore di emergenza, che deve sopravvivere per sua natura ad eventi di emergenza, possa considerarsi andato in avaria per tale motivo; non ha semplicemente funzionato come non ha funzionato molto altro, e proprio quando ce ne era necessità vitale per garantire la sicurezza dei passeggeri (vedi ascensori, timoni, illuminazione, verricelli delle scialuppe etc.)!

Di nuovo, rispedendo al mittente l’offensivo modo di riferirsi alle parti civili del legale della compagnia, possiamo dire che quello che conta in questo processo è ciò che dicono i testimoni e le perizie, mentre quello che afferma l’Avv. De Luca alle telecamere non conta nulla, o meglio, parafrasandolo, si può dire che conta da zero in giù (rectius dal ponte zero in giu!)

LEGGI ARTICOLO DE “LA NAZIONE”

VEDI SERVIZIO TG2

Udienza 11.12.2013: IANNELLI

scialuppa_

L’udienza di lunedì 11 novembre 2013, che sembrava non riservare nessuna emozione, si è invece rivelata ricca di colpi di scena, prontamente colti e riportati dalla stampa nazionale, accentuando, però, solo l’aspetto scenografico del salto del Comandante Schettino sulla scialuppa in occasione del’abbandono della nave, trascurando (salvo l’ottimo servizio del  TG2 20:30 con il sempre attento Francesco Vitale) gli aspetti più interessanti per le parti civili .

Protagonista al banco dei testimoni era Iannelli Stefano che all’epoca dei fatti svolgeva in forza al personale della Costa la mansione di Allievo alla sanità con il compito di controllo sulle acque della nave (piscine, jacuzzi etc.) e quella di tirocinante per il conseguimento della qualifica di III Ufficiale di Coperta a bordo della Concordia.

Per il conseguimento di tale qualifica effettuava quattro ore (dalle 20:00 alle 24:00 ) in plancia di comando in affiancamento all’ufficiale di Guardia. Oggi è ancora in forza alla società Costa Crociere e, quindi, la sua prova, come già altre prima, destava problemi di attendibilità del teste per evidenti ragioni di prudenza e rispetto degli interessi del proprio datore di lavoro.

Le argomentazioni più rilevanti, dopo l’esame dei PM che si sono per la ennesima volta concentrati solo sulla ricostruzione cronologica di quanto avvenuto a bordo della nave in stretta occasione del naufragio e sul momento del “salto” sulla scialuppa da parte di Schettino, sono emerse in aula grazie alle domande poste dalle parti civili ed in particolare dal pool Giustizia per la Concordia, rappresentato in udienza dall’Avv. Alessandra Guarini, che si è conquistata gli onori della cronaca mettendo in estrema difficoltà il teste.

In primo luogo è stato stigmatizzato che nel momento in cui il punto di accostata previsto venne superato (oltre le 0,5 miglia) tutti in plancia di Comando, e non solo il Comandante Schettino, sapevano perfettamente che tipo di manovra stavano per fare ed erano in piena consapevolezza di quello che stava accadendo. Nessuno ha detto nulla o lanciato un allarme. Ciò appare rilevante sotto il profilo della ennesima dimostrazione della estesa notorietà della pratica dell’inchino, anche da parte dell’armatore e delle Capitanerie di Porto, e del metodo di realizzazione del “saluto” al Giglio, non solo mediante un passaggio ravvicinato alla costa, bensì tramite un audace e spavaldo sfioro del porto a tutta velocità.

Manovra che la Costa, attraverso il sistema MARIN TRAFIC satellitare di cui era dotata la nave ed addirittura con web cam accessibili da chiunque via internet, poteva agevolmente seguire (ed impedire). Dobbiamo davvero credere che l’ipertecnologico quartiere generale della Costa Crociere a Genova non si rese conto che una delle sue più prestigiose navi, con oltre 4mila persone a bordo, era di molte miglia fuori rotta e puntava a tutta velocità verso gli scogli del Giglio?! Ovvero è più credibile che la manovra fosse molto ben conosciuta e dunque ritenuta non “sospetta” dagli addetti al monitoraggio delle navi Costa e perfino dalla Capitaneria di Porto?

Inoltre attraverso l’esame del teste di oggi si è potuto evidenziare ancora di più la scarsa professionalità del personale marittimo della Costa, si è infatti avuta conferma che i corsi di formazione del personale fossero compiuti in  modo superficiale e approssimativo, nonché alquanto frettoloso risolvendosi in iniziali corsi, di durata temporale irrisoria rispetto ai ruoli di responsabilità di vertice che poi gli ufficiali di coperta andavano a ricoprire. Dopo la abilitazione degli ufficiali, poi, nessun aggiornamento obbligatorio e criterio di formazione continua era previsto, introdotto solo dopo il naufragio.

Il teste Iannelli si è mostrato poi particolarmente titubante ed imbarazzato riguardo alle vicende successive al naufragio, quando si è trattato di riferire la circostanza (risultante dalle SIT) della convocazione ricevuta da parte di  Costa Crociere  che già in data 31 gennaio 2012 ha provveduto a fargli firmare una quietanza “tombale” di ogni voce di danno subita.

Prima il teste ha negato di conoscere la signora Porcelli poi a seguito di contestazione del Ns. Avv. Guarini non solo ha dovuto ammettere che era stata la Porcelli ad informarlo della necessità di un incontro con il datore di lavoro, ma al termine dell’esame si lascia addirittura sfuggire di un SECONDO incontro con i vertici di Carnival e dell’assicurazione.

Il risarcimento totale incassato da Iannelli (a soli 18 giorni dal naufragio) ammonta a più di 11.000 euro e la quietanza reca la data del 31 gennaio anche se Iannelli dichiara di averla firmata ma di aver ricevuto la somma qualche tempo  dopo…oltre a tali somme il teste risulta inoltre aver incassato ulteriori somme dall’INAIL per quanto riguarda i giorni di lavoro persi.

Insomma, un teste chiave sulla plancia di comando, che, a pochi giorni di tempo dalla catastrofica manovra, viene ascoltato in una sorta di audit interna e segreta della Costa e poi, frettolosamente, liquidato con un risarcimento di 11mila eruo, prima ancora che uscisse fuori la proposta lungamente concordata con le associazioni di consumatori per il risarcimento dei passeggeri.

Coincidenze molto strane nei pagamenti che lasciano comunque una evidenza assolutamente incontestabile: la Compagnia ha risarcito con incredibile velocità e generosità alcuni soggetti, stranamente tutti in qualche modo coinvolti in modo moto diretto ai fatti od ai vertici della Società, ha imposto a tutti gli altri lavoranti in mare (indonesiani, pakistani etc.) di accettare un misero risarcimento in meno di mille euro, mentre per i passeggeri della Concordia sono stati necessari molti mesi di trattative ben pubblicizzate dalle associazioni coinvolte, per arrivare ad una sofferta e modesta proposta di 11mila euro + 3mila, pari a quello che è stato riconosciuto al Sig. Iannelli meno di venti giorni dopo il naufragio!