REPORT Rai3 e Giustizia per la Concordia


Report rai3Questa domenica, 12 ottobre 2014 ore 21.40, su RAI3 andrà in onda il servizio “Concordia nazionale” di REPORT sulla vicenda Concordia, alla quale abbiamo collaborato e partecipato anche noi Avvocati di Giustizia per la Concordia, attraverso il nostro collaudato tridente d’attacco Bulgheroni-Guarini-Gabrielli; vi invitiamo ad assistere a quella che – siamo convinti – sarà come sempre una ottima inchiesta televisiva, con occhio fortemente critico – finalmente – verso la compagnia di navigazione, per le gravi responsabilità nel ritardo a lanciare la emergenza generale, oltre che nei malfunzionamenti della nave e l’impreparazione dell’equipaggio sottopagato, mostrando documentazione inedita, una ampia intervista al comandante Schettino, in anticipazione dell’interrogatorio al quale si sottoporrà in aula di udienza a Grosseto il 2 dicembre, e ponendo seri interrogativi su quello che è successo alla Concordia,  su tutto il funzionamento della catena dei controlli e sulla sicurezza delle le navi della Costa in giro per il mondo in questo momento.

Speriamo che anche questo possa contribuire all’accertamento della verità ed imporre seri rimedi alle compagnie crocieristiche, mettendo la salvaguardia della vita umana dei passeggeri al primo posto, sempre e comunque.

Buona visione a tutti

ANTEPRIMA

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-ff5474b2-01e1-4997-88f8-75273f47343b.html?iframe

 LA PUNTATA INTERA

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-d4f08744-52ac-4b34-916c-459e938965b1.html?iframe

 

Annunci

Un pensiero su “REPORT Rai3 e Giustizia per la Concordia

  1. Massimo Troiano

    Permettetemi di esordire con la frase finale di un vostro articolo ” mettendo la salvaguardia della vita umana dei passeggeri al primo posto, sempre e comunque”.

    Abbiamo dovuto attendere i morti per capire che sulle navi non esiste nessuna catena di comando per la sicurezza; il personale è letteralmente impreparato in materia e non esiste nessun piano sulla sicurezza.

    L’attuale documento “SOLAS” dice poco o nulla su come comportarsi in caso di emergenza se non come indossare le dotazioni di sicurezza, dove recarsi e poco altro.

    Come imprenditore, crocierista e UOMO mi fa rabbia sapere che già tempo prima della sciagura avevamo comunicato a tutte le compagnie MONDIALI (ovviamente anche COSTA) che avevamo la soluzione per la salvaguardia e la tutela dei passeggeri sulle unità navali… Risposta delle Compagnie…NESSUNA.

    Avevamo riprovato anche all’indomani della tragedia…STESSA RISPOSTA.

    Il comparto crocieristico genera un fatturato di tutto rispetto. Perchè non tutelare coloro che provvedono a creare quel fatturato?

    Perchè pensare solo ed esclusivamente al proprio tornaconto anzichè al benessere di chi lo genera?

    Perche? Perchè siamo nel Bel Paese….Bello per pochi

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...